Recent Acquisitions
       
Caiati Old Master Paintings Works of Art
 
   

 

   
     
 
 
Click the image to enlarge
 
  Alice Bolingbroke Woodward  
  (London, 1862 - London, 1951)  
  Prehistoric animal (Polacanthus)  
  Pencil on cardboard, 19,2 x 26,5 cm  
 



Provenienza:
Milano, collezione privata.

Bibliografia:
H. R. Knipe, "Evolution in the Past", London, Herbert and Daniel, 1912.
G. Beare, "The Life and Work of Alice Bolingbroke Woodward (1862-1951)", London, The Imaginative Book Illustration Society, 1999, pp. 70-144.
R. Moody (a cura di), "Dinosaurs and Other Extinct Saurians: A Historical Perspective", London, The Geological Society, 2010, pp. 135-137.

Alice Woodward è stata una delle più famose illustratrici inglesi della prima metà del Novecento specializzandosi, in particolare, nella letteratura d’infanzia e nelle pubblicazioni scientifiche. Suo padre, Henry Woodward, lavorava per il dipartimento di Mineralogia del Natural History Museum di Londra ed è stato presidente della Geological Society of London dal 1894 al 1896. La professione del padre, e l’ambiente in cui la giovane Alice crebbe, fecero nascere in lei la passione per le scienze. Il padre, infatti, le fece realizzare delle illustrazioni per le sue lezioni e conferenze, e per alcuni articoli dei suoi colleghi. La Woodward studiò alla South Kensington School of Art e, successivamente, alla Westminster School of Art e all’Académie Julian di Parigi, prendendo lezioni da Joseph Pennell e Maurice Greeiffenhagen e collaborando con le case editrici per bambini: J. M. Dent e Macmillan and Company.
Alla fine dell’Ottocento, Alice lavorò con la casa editrice Blackie and Son Limited, illustrando alcuni libri per l’infanzia tra cui: To Tell the King the Sky is
Falling, Adventures in Toyland e Red Apple and Silver Bells. Del 1907, per l’editore George Bell & Sons, realizzò, ventotto tavole per il The Peter Pan Picture Book scritto da Daniel O’Connor. Illustrò, inoltre, le opere di Gilbert and Sullivan, L’Alice nel paese delle Meraviglie di Lewis Carroll e il Black Beauty di Anna Sewell. Nel 1930 illustrò il volume Myths and Legends of the Australian Aboriginals. Alice Woodward, fino alla sua morte, compare in oltre ottanta pubblicazioni che includono ricostruzioni di dinosauri per l’Illustrated London News. Alice morì a Londra nel 1951.
Pe differenziare i due tipi di lavori, ovvero le illustrazioni per bambini e quelle riguardanti le pubblicazioni scientifiche, molto diverse fra loro, la Woodward era solita apporre il monogramma di una farfalla sui primi; mentre sui secondi scriveva semplicemente nome e cognome, come nel caso dei nostri disegni. Le sue illustrazioni per pubblicazioni scientifiche sono conosciute e apprezzate, in particolar modo, per l’accurata precisione dei dettagli naturalistici, anche se erano ricostruzioni di specie di animali preistorici ormai estinti. I suoi animali sono inseriti in un paesaggio, e in pose non statiche, in modo tale da immaginare anche la grandezza dell’animale rapportata alla flora circostante. La Woodward conosciuta poco, purtroppo, per i suoi disegni scientifici – 22 di essi sono conservati negli archivi del Natural History Museum di Londra – rappresentò per la prima volta alcune specie di dinosauri come il Diplodocus, il Gigantosaurus, l’Iguanodon e altri scoperti in Europa e nelle Americhe, basando le proprie illustrazioni sui fossili ritrovati.
Il set di sei disegni qui presentati fa parte di una serie di cinquantasei illustrazioni per l’opere di Henry Robert Skipe (1854-1918), Evolution in the Past del 1912. Alcuni di essi furono utilizzati da Henry Neville Hutchinson nella prefazione di una nuova edizione del suo libro sull’estinzione dei “monsters” mentre altri, raffiguranti dinosauri, furono esposti in occasione di una mostra al Bushey Museum a dimostrazione della fortuna critica che ricevettero alla loro pubblicazione.
Alla morte di Alice Woodward, nel 1951, sua sorella Katherine scrisse al Natural History Museum per offrire i disegni originali non appena avesse riordinare il suo studio. Scrisse all’inizio a Helen Muir-Wood, vice curatore del dipartimento di Paleontologia. Il 3 ottobre 1951, il curatore del dipartimento di Geologia, W. N Edwards, risponde:
«I am so sorry to hear of the death of your sister Alice. Dr Muir Wood had passed on to me your suggestion that the Natural History Museum might like to have some of Miss Alice’s drawings and most certainly we should be very glad of any you can spare. She must have done a very great many drawings of fossils and of reconstructions of past life and she was for long a familiar figure in this department».
Katherine Woodward rispose il giorno seguente, il 4 ottobre: «I will shortly pack and send some of the original prehistoric drawing, which appeared in the Illustrated London News...I know she would have been glad for the Museum to have some of her works».
Le lettere, riguardo le donazioni dei disegni della sorella al Museo di Storia Naturale di Londra, continuarono fino al 20 novembre 1951. Questo scambio epistolare dimostra, inoltre, l’alto interesse che Alice aveva presso i membri del Natural History Museum e presso la comunità scientifica. Naturalmente i suoi lavori rispecchiavano le idee della comunità scientifica di quegli anni dandogli però sempre quel tocco personale e ambientandoli in mondi naturali. Alice ha dato un importante contributo alla storia e alla ricerca sui dinosauri rimanendo, a tutti gli effetti, una delle primissime illustratrici di dinosauri al mondo.
I sei disegni quindi vennero realizzati intorno al 1911 dalla Woodward per il volume di Knipe, con il contributo dell’illustratore Ernest Bucknall. Libro che narra l'evoluzione della vita sulla terra basandosi sulla scoperta di fossili illustrando, quindi, le specie di animali estinti. Per il volume furono realizzate 56 tavole, 51 realizzate appositamente e 50 di Alice. Le altre cinque erano già state pubblicate su Nebula Man dello stesso autore nel 1905. Knipe nella prefazione ringrazia espressamente Alice: «I acknowledge with gratitudine the valuable expert assistance which Miss Alice B. Woodward received at the British Museum (Natural History). Her pictures thus posses a real scientific value in addition to their artistic merit. Dr. Arthur Smith Woodward, F.R.S., Keeper of the Department of geologi, kindly advised on several of the drawings ...Indeed, nearly all the restorations of reptiles and mammals drawn by Miss Wood ward were made under his able supervision (Dr. C. W. Andrews) ... in the restoration of the first know fossil bird (Archaeopteryx) and the wingless Cretaceous sea-bird (Hesperonsis) Miss Woodward had the highly qualified assistance of Mr. W. P. Pycraft».
I disegni, tutti autografi, sono quindi le tavole originali per essere poi inserite all'interno del testo usando i loro nomi scientifici: Polacanthus p. 98, Titanotherium Robustum p. 140, Dinotherium p. 170, Elasmotherium p. 188, Mammut p. 190 e il Daedicurus p. 205. Quest'ultimo ha, inoltre, la particolarità di essere inedito in quanto primo schizzo per la tavola, in cui l'animale è mostrato in una posizione differente. Il retro dei disegni mostra il monogramma del negozio in cui sono stati acquistati i cartoncini, la Old Watercolour, O. W. Paper and Arts Company Ltd e dove sono annotate le pagine del volume in cui inserire la tavola.

 
     
 
Caiati - Via Gesù, 17 - 20121 Milan - Italy - Tel. +39 02 794866 - info@caiati.it